Francesco

Flussi di Infusi
Racconti a raccolta

1. Afferrato da uno spavento d'orgoglioso riserbo
Tom basso, medio, alto: in successione; charleston e rullante all'unisono mentre i piatti vibrano. La cassa, la gran cassa, alla jam session si rompe, vive lo smacco in televisione, cappuccino. Manipoli alle prese con la costituente lottano invano contro il diritto concesso dal potere umano, una concezione statalista che si autolegittima. Esce un'enciclica, intervistano la diva del momento.
Nel mio fraseggio non c'è relax a tutto volume, incappo in sciagure, sto tra le mie rovine con la codardia discorde nelle recondite ragioni mie. Sorseggio il caldo e fisso l'aperitivo. Strilli teoreticamente scusabili s'odono in giro, quasi alla scoperta del roaming internazionale primo. Ma azalee, orchidee, camelie e dalie sono tutte moscie, vanno annaffiate e curate, sul terrazzino.
Sono così belli i tempi di pace, lo stare in salute, che dal male ci si ravvede tardi; e, sul giornale non si vede rispetto se chi milita la pace non ha la malizia della milizia che non soggiace. Io che sono stato nella garitta intirizzito, aspettando l'ordine per indossare la divisa invernale, dico l'imbarazzo di scattar sull'attenti battendo il tacco, come si fa in teatro per l'applauso, il disagio.
Se penso alla caserma, al mio mentore per la libera uscita, ricordo ogni irta irritazione condivisa, l'uso della bugia per far valer la forza frequentata dalla truppa, lo sbraco che stucca. Ma la sveglia della vigilia d'una guerra che elimina la violenza anche se non suonerà va caricata, ed io, ancora io, devo dare una svolta alla mia vita, senza mettermi a brucare l'erba, di questo o quel prato.
È lancinante considerare quanto ci metto da solo a sfuggir dai patii di questa bettola, in cui salgo e scendo, ascendo e scialo, girando al tondo. Un vocio festoso che poi s'impietosirà s'oppone al mito del forte che l'esclude, che dice: «si dia da fare, ci si metta d'impegno»; valutando in joule, a priorità onorifica, su gingilli ferventi. Non discettano su lapsi, su circostanziate cose, Srilankesi e Bangladeshi, Lettoni, e Lituani, si prendono un aperitivo, fanno colazione, tra macedonie e parmigiane, passandosi agoni fritti. Dall'altra sponda del bar si rispondono e non raccontano a rovescio una storia che capisco bene; la sottile motricità dell'inoccupato cronico, la prontezza ad accettare ogni mestiere. Mi accomuna a loro il disagio della mia normalità. Mi accomuna più di quanto sembra a chi, rappacificato nell'ostracismo e ricco d'intimi gaudi, squarta conigli senza ostilità per queste creature, avvezzo alla furberia, edotto dal beccheggio.
Anche se in questo bar non è possibile dirsi quello che si spera di sentire, per via di lingue diverse, lingue forse scottate dal cibo troppo caldo, si stima un privilegio l'essere qui. La creaturalità non rinchiude sempre gli esseri in oasi di spilorcerie, ingannate da un docetismo gnostico e cinico, oltre l'alveo di quell'indiviso edificio di passi scritturistici che non viene considerato nella messa che partecipiamo.
Quelli che con me in questo bar fanno i clienti non ridono se cade il povero. Vanno dove si loca una casa con un ricco disgraziato. Si rifanno da una fracassa di cazzotti indeducibili avuta dalle finanziarie, dall'economia, dalla vita, come possono. Così come riesco a far io. Io, che per non conferire con tutti
quelli che per trovarmi un lavoro serio volevano una mancia non frequento più certi circuiti, li capisco. Le cavolate che ho fatto non mi identificano, non mi perseguitano coi loro elementi aneddotici.
Ho una rispettabilità che la società non premia, una correttezza definita idealistica. Mi sento vicino a questi fratelli d'aperitivo perché sto tra il progresso e il sottosviluppo, nell'assistenza domiciliare, ingiusto e difeso, quasi come loro. Mi difendo dalle soverchie tracotanti di chi aiuto con gli strumenti delle helping professions che studio. Consiglieri, fiancheggiatori e killer sono per me i colleghi collusi con quella braveria che nocque. Ogni mia attività lavorativa privata ha per socio lo stato al 65%, che prende e non rende.
All'inaugurazione dell'Autostrada del Sole, Chiusi 1964, non c'ero io e non c'erano loro. La risibile escalation nostra, col rigor del giure, non cullava iattanza o tracce di malefatte. Non s'individua, adesso che siamo qui, colpiti da una inflazione che confisca, che ci infragilisce, dalla mancanza di possibilità che ci stende, quali fulminee sintesi di reminescenze spontanee soggiacciono dietro al boom economico che ci ha portato a questo progresso.
Le nostre scontate deprivazioni affettive, il vivere appiattiti sul benessere, gli ansiosi fenomeni, i comportamenti aggressivi, i problemi di depressione, la difficoltà di relazione, nascondiamo. Il buffo buffet finale della nostra mattinata è un cocktail da una caraffa, piccole paste da dessert e creck sbriciolati alla sequela di un vol-au-vent di pasta sfoglia. Il dire «scontrino» alla cassiera non ci consola. Scontrino. L'esiziale invitante portata di un confetto racchiuso in una confezione floreale ci rende più bello il pagare. Afferrato da uno spavento d'orgoglioso riserbo penso, poi pago il conto contento.

2. Benefici elargitimi
Ispirato dalle mie solite sopite e socie supposizioni mi feci una satira sociale benevola riguardo alla mia posizione. Ero un operatore di strada che nell'incerta corrispondenza del bene voluto al prossimo ebbe una zaffata di caldo al profumo di pineta. Mi trovavo in un lasso di tempo, temporaneamente attempato, torturato dalla mia libertà. La foggia di un becco alla deriva in un piazzale trasbordante d'olio minerale usato, la tasca nella vasca tra le scocche per fare le bottiglie, la grande officina dimessa frequentata dalla malavita inattesa d'essere chiamata per diventare veramente organizzata, mi vedevano immobile. Un foglio vidimato dal morso di un mio ex-avvocato testimoniava la levatura delle figure professionali che mi avevano difeso a seguito di una piccola diffida. Una diffida che mi condusse verso audizioni su contaminazioni transgeniche in lingua siswati buone solo a farmi dimenticare profondi dispiaceri.
Stavo fermissimo e mi muovevo tanto. Le salite di mercurio nel termometro,causate dal calore che mi veniva da dentro, sembravano di febbri verso un delirio in un lampo modesto. Dal patto con un malore al ratto di una goduria,libero d'un ringraziare e chiedere, ero uno che non aveva più il tallone pronto a fare il suo dovere. Indossando scarpe troppo materiali il tremore della mia gamba era più che contenuto ma la muscolatura era inservibile a mantenermi in una posizione eretta. Il tallone al ritmo dei battiti di una macchina da scrivere, che perde tempo sui tempi, che cambia l'interlinea, ogni tanto faceva fare din ad un barattolo contro il ferro, come se arrivasse a fine corsa il carrello.
Camminando tanto per svolgere al meglio il mio lavoro di strada ero arrivato in quel luogo cercando di non attuare cure più dolorose del malanno. Sapendo che
tanti psicanalisti dicono che fa male mettere in atto il proprio fantasma quando ebbi i riscontri che in quel luogo la feccia si condensa mi considerai spacciato
nel degrado più prelibato. Non avevo più la smania di rispondere prontamente alle aspettative delle istituzioni scolastiche che mi avevano istruito.
Desideravo starmene solo per venire accolto, per poi stare in compagnia. La tendinite che sopravvenne in me, anticipatrice del tremore dalla gamba al
tallone, m'atterrò; e non la feccia m'accolse, ma altri operatori di strada.
Operatori che non avendo a che fare in quel momento con nessuno m'erano corsi in aiuto, veloci come su scenografie fedeli a copie di monumenti inesatti.
Avevano una semplicità da favola. Quello che io “ con un dottore in sedute per capire cosa lenivo avevo supplito”, loro no. Quello che io “catturato tra rapiti
allievi tutti a me innanzi”, loro niente. Erano realmente bravi. Dai loro dialetti mi sembravano di regioni ricche, organizzati. Quando mi fecero passare
la febbre e mi dotarono di stampella ero un condensato alla loro presenza di ciò che trattiene i chiamati, i retti e puntualizzati; non quelli falsi, nei
movimenti studiati. Col platonismo da placcato plancton placato, che ti fa indirizzare gli scatti burleschi nel pensiero amaro, così triste da non sembrare
che un pamphlet, feci verso al pieno di ironia, in satira alla serietà liberale che andando in giro m'era parso d'osservare. Ero appena entrato come inquadrato
in qualcosa che mi atterriva e mi atterrava e già ero così capace di suscitare tenerezza che pur di stare con me, gli operatori, non adempivano ai loro doveri,
non andavano a cercare quanti erano ancora là fuori, sconfitti dal successo del benessere materiale degli astanti.
Se mi sfiatai al suolo e fu riflesso in cielo il mio salire, in modo chiaro ed esprimibile, non fu per colpa loro. Avevano tracciato il possibile. Il loro motto “l'aiutare i bisognosi ci fa forti e coraggiosi” sembrava adempiuto interamente in me. Avrebbero passato così tanto tempo a deliziarmi, ad accontentarmi in tutto, da mettermi in una posizione di contatto inquietante con il mio più basso istinto egoista. Mi avrebbero fatto sentire l'amato senza riserve, consigliato pure sul cosa richiedere per mantenersi onnipotente. Se s'accorcia e s'accartoccia il rimasuglio d'amore che alla morte sboccia, l'orgoglio che straripa travalicando ogni intoppo chiamerebbe a raccolta le persone che si recano al cimitero della mia sepoltura. A quelle persone che un fiore lo mettono a tutti, perché in fin dei conti sono tutti parenti, defunti di
casa, a quelle persone direbbe thank you, striminzitamene thank you.

3. Dal canto dei calci
Viluppo d'un bambino che andava alla dottrina
Tutte le confidenze che andrò tra poco a narrare, inaugurano nuove voglie di riservatezza. Queste sarebbero accadute molti anni dopo la mia frequenza al catechismo dei fanciulli. Al tempo avevo già memoria del fatto che non ero solo al mondo. Erano i mesi di novembre degli ultimi anni 70. Uscivo che c'era il
sole, stavo a lezione, rientravo che annottava. Ricordo la luce rossa, dei lumini a commemorare i defunti di casa. Quando alcuni anni fa, schivando il botta e risposta della replica più seria,guardai per aria la finanziaria della mia opinione aggiustata, con l'indice per ritrovare il nuovo di chi mi amò non poco, m'apparve in tutta la sua chiarezza il fatto che per non essere troppo severi con se stessi c'è sempre bisogno di relazionarsi con una degna persona, capace di seguirti e di aiutarti.
All'irriducibile alterigia vista da chi giunse a temerne l'effetto è dura contrapporre in futuro un far pace spontaneo, parlo di baci e di abbracci. Ad ogni litigata è bene far seguire immediatamente una riconciliazione. Anni 90. Inurbato in un'atavica botta porgevo me stesso in resta d'un dunque adunco dal sorriso grifagno incurante d'ogni sbaglio. Non lo dico per snobbery o per piglio originale ma possedevo taluni aspetti d'umore capaci di mattanza sleale. Personalità dotate ho domato indomito un giorno, con psicofisica fatica,portandole all'arresto all'uopo acciuffato capzioso. Ho saputo concretizzare,principalmente in erba, le mie care e rigide idee di pulizia fresca. Ho fatto diverse piazze pulite in sleali e proibitive salive. Con carichi di rancore rinforzato dai disservizi degli anni precedenti ho creato i presupposti per i servizi futuri tra problemi e decessi. A certi fallimenti vivi preferivo sempre un successo morto e mi chiedevo qual era l'amore a durare un'ora al secondo. Con un piccolo lavoro, io mini missionario, ero solito dire «se leggero non m'incavolo». Ero desolante senza frange rifrante, avevo un'autonomia di pensiero contestabile ma spiazzante. Evidenziavo i miei limiti e le mie contraddizioni portando quel crescente imbarazzo che a non tutti piace.Anni 80. Il paese in cui vivevo era relativamente piccolo. Conoscevo quasi tutti e con le persone che frequentavo ottimi rapporti cercavo. Non amavo comunque far parte dei vari gruppetti d'amici, non nella massa m'identificavo per una tendenza forte all'anticonformismo in generale andato. Il problema di trascurare le amicizie mi portò solitudini fittizie, l'interesse con mancanza per attualità e politica, era tutto in una spilla, non brillante, in lega ibrida. Eppure,uscire di giorno, non evitare la gente, non era ancora un mio problema: si avvertiva sempre. Buttarmi, provarci, consigliarmi, vivere il paese era un mio impegno di realtà cortese.
Anni 90. La cosa per me più importante era stare al servizio dei ragazzi che adoravo alla grande, la cosa in realtà più triste era che non accettavo il ritrovarmi dove stavo a far conquiste. Ero collaborativo come colle stantie,ingrate e integrate a fungere, nel velleitario brontolar mezzo scontento di alcuni familiari dei ragazzi da cui andavo contento. Con questi ragazzi poi,avevo un buon rapporto, per migliorarlo cercavo di essere presente ai loro momenti forti. Nella mia realtà, la realtà dei ragazzi entrava, io ponte tra le due realtà diverse, agivo opposto come il genuflesso di sempre. Ma una volta,facendo il giro per delle case, nessun ragazzo venne con me all'uscita. Feci il pieno delle assenze e mi ritrovai d'attendibilità formale priva.
Anni 90 ancora. Nel tentennamento del team che mi vide crescer da piccolino creai infatti un casino, sgomitando come un indomito sul suo comodino.Volontario in associazione nota la voglia d'ascoltare interruppi. Ero un idealista ampliante la portata dell'impostazione polemica da me innescata. Lì si rifletteva la mia attendibilità, lì sapevo creare l'intimità valorizzante ogni proposta ma, ragionando in maniera complessiva, sbagliando a mettere gli altri prima di me, tendevo a fidarmi solo dei nuovi arrivi, assumendo comportamenti schivi. Per numero d'impegni lasciati, per incontri strutturati malino,avviluppato nell'inconcludenza, ero lo sgomento tra il quotidiano e l'intimo,del mal capitato a tiro mio d'allora in quel soppesare funesto. Anno 2001. Quando in una griglia scrivevo di quanto mi sarebbe piaciuto essere da li ad alcuni anni in avanti ancora bello e pimpante tra i tanti del tentennamento del team con me che non facevano per me, certo non intuivo del
tutto che, agendo in comune, confusi, allusi e illusi, il vissuto altrui per me preso in conto proprio. Che lo assolutizzai in malo modo, che finii per essere il contrario del mediatore che ero stato o fui in epoche remote, non proprio putride, lo intuii quando subliminali emersero per me i bassi appetiti, nel raro uso dei principi attivi. Dal canto dei calci presi e dati, anche camuffati, ai tentennamenti del team ampliati, entro a cui spietati scrupoli strapazzavano gli ottusi modi, discorsivi ma descrittivi, per buttar fuori dal team i percepiti nemici, sopravviveva sempre una reazione euforica ai fatti tragici, lì vissuti e scontati nei momenti piazzati.
Quasi 2002. Giustificate disaffezioni in contrasto col momento, nella superiorità totale dell'altrui disimpegno, subisco oggi come ho subito un tempo.
Oscillo quindi a ponderare me in quel paese, me in quel tentennamento del team palese, me col decanto di quei calci senza pretese, quando vado coi miei
disturbi al catechismo per gli adulti.
Non oscillo al canto dei calci presi e dati, di cui non so contare i traumatizzati, ai molti rapporti effettivamente peggiorati, se sono serviti al bene dei possibili amici andati. Io, che non sono mai stato un militante della vigilanza forte, che ho solo inciampato più che mai per le mie storte, mi affido al condottiero della storia, con un certo rigore morale, tentando d'ignorare la voce che troppo sovrasta le mie attitudini.
Stretto sulla tabula rasa della mia bontà morale grama e arida, dal canto dei calci non prendo la carica.

4. Fette di salamino nel blues
Vivendo questo istante come l'ultimo tutto il mio silenzioso penare assume le midolla della festa. Sono un insegnante stressato che è andato in malattia; il mio soprannome è Schiccherino. Mi piace bere vino se non mi si avventa. Se fossi un poliziotto stressato sarei in servizio; se avessi il segreto militare non rilascerei interviste. La mia scuola di supplizio espande le allure tipiche di chi professa vita di perfezione. Rientrando in casa dopo un incidente, in cui poteva succedere di tutto ma non è successo niente, ho visto l'ultima puntata di uno sceneggiato televisivo sul palinsesto del romanzo di un mio amico. Poi,cambiando canale, ho visto un infiltrato, arrestato, che non si è mai abituato alla complessità del sicuritarismo. Un infiltrato donna, di nome Atte.Quelli della pubblica sicurezza l'hanno presa sempre in castagna per cose da poco, facendola diventare un argomento di verbale. Quando era piccola ed andavo ad assisterla la vedevo come una persona mia, come una che mi era stata affidata. La sua famiglia mi considerava come sua proprietà e pretendeva di gestirmi. Quando vinsi un concorso scolastico la salutai restando fedele al proposito di tenermi sempre un po' in contatto con lei più che con i suoi. Ci avrei giurato di rivederla incasinata. Occupandomi della merenda, tra me e l'ascoltare quel che dicono di lei al notiziario sul G8, c'è solo il salame e la pace. Adesso cercarla al telefono è più difficile. Mi fa effetto pensare che mangiavamo una pizza insieme 10 giorni fa. Spento il televisore, pensando all'incidente evitato, sono triste lo stesso, per via di lei. E da fuori entra in casa il blues.
Le languide snocciolature da ribelle, largite con irresistibile ed inarrestabile orgoglio, non le sono cessate a seguito della fama infamante che quei
picchiatori che si coprono a vicenda le hanno addossato in ogni zona di protesta. Il G8 per lei è un'offesa grande per il debole che non partecipa alla democratizzazione imperante. Per me, da lontano, il G8 non è niente di veramente importante. Mi sembra il corto circuito devastante, sul fazioso fare ameno e
dialogante, in cui si arraffazzonano eccessi colposi di legittime difese. Ma non sono un autarchico anarchico, di destra o di sinistra; sono uno che usa il buon
senso del buon padre di famiglia. Non lancerei mai lacrimogeni senza vie di fuga ma sparerei alle gambe davanti a delle forme collettive di resistenza irriguardose. Sono vicino umanamente ad ogni politico ma non gli do mai un consenso per farlo restare impunito.
So che il G8 è un vertice caro, il cui costo non vale la fatica spesa per ratificare in pubblico tante cose già decise. Io che spesso sospendo un diritto per avere un compenso capisco la scelta politica di sospendere un diritto costituzionale per un servizio di sicurezza ritenuto superiore. Capisco il differire un diritto di 24 ore, l'inquinamento come forma di terrorismo. Non amo le fesserie di chi non riesce ad esprimere dissenso per bene, la promozione data al violento. Sono la persona che ha dato ad Atte gli strumenti per leggere e scrivere ma non per andare via radio a spiegare il concetto che non si può accogliere in uno stato solo chi può lavorare perché si viola un diritto umano,perché si da dignità ad una persona solo per un aspetto di utilità.
La corsa alla compartecipazione del benessere è per me come una via di perfezione ma per Atte è migliaia di scalini che ti si frantumano sotto, che non finiscono mai: una scala mobile accesa in discesa che non si rompe mai. Dovreste amarla per capire che non è il pericolo con cui la identificano. È così piccola che per non sfigurare tiene il sellino della bici alto e tocca con le punte. Sa cucinare solo le stiacciate, brucia tutti gli altri tipi di pietanza. Con il mio stato patrimoniale posso fare ben poco per lei. Proprio stamani mi sono svegliato costatando quasi finiti i miei risparmi, ripensando ai miei cari che si sono trovati nella stessa situazione. Guardando tutte le suppellettili da rivendere ho capito di aver speso troppo per mantenere figure professionali vincolate da contratti cui non potevo che aderire. Ho diretto la mia ricchezza verso spese obbligate, diretto dalla società dei consumi. Ho pagato per parcheggi e non ho parcheggiato, ho bevuto bibite che non ho desiderato. Atte non svolge come me un lavoro che la indebita, che le da lo status di uno che lavorando al massimo va in pareggio. Atte è sempre stata ricca.
Chi stamattina alle poste si sottomise sul posto ad una interpellazione è un po' figura di Atte. Io, scampato dall'incidente, sosto lontano dagli alveari nucleari. Ho fatto tanto da giovane ma adesso non posso far di più. Con l'odore di legna appena sistemata faccio contente le narici.

5. Impulso impresso
Vicino al coppo, alla tegola del tetto, sprigionato dalla combustione del legno umido in difetto d'aria, il fenolo di un salamino fuoriesce da un vecchio vetro irregolare, fatto a mano ma rotto, verso un mondo così sconvolto in cui certe cose non si possono dire neanche per scherzo. Io che lo sento col naso mentrestringo il vetro nuovo, liscio, industriale, da riposizionare, vorrei dire tante cose ai portenti del potere ma faccio parte della maggioranza ininfluente,influenzabile, che tuttavia non si chiude in se. Pur con tutta la mia codardia possibile sono riuscito ad arrivare ad una posizione di coraggio, di bilico, inalto, domando la vertigine con la cautela del calcolo, che non nego indichi qualcosa in cui potrei eccellere. Così come sono salito con la scala sul tetto,andando incontro alla mia paura del vuoto, potrei riuscire a scalare la gerarchia sociale e mettermi davanti, da uomo a uomini, a chi, della grandemanovra, detiene i registri. Il mio problema è capire chi per primi, chi per secondi e chi per terzi. Capire se lo voglio veramente. Quando da piccolo andavoa scuola di nuoto, alla piscina del lido delle forze armate, già mi sentivo grande. Per colazione prendevo una bustina di patatine sottilissime, fritte.
All'epoca non sapevo se in futuro sarei stato laringectomizzato ma sapevo di essere amato. Questo mi dava serenità, animava la mia speranza che un futuro pieno di avversità sarebbe stato per me, comunque, bello. Il mio nemico era la massa d'acqua ed il potere che mi serviva era dato da chi lo dava a me,dall'istruttore e dagli amici. Ancora oggi la nitidezza che svela la vita mia ha come punto di forza iniziale il fatto di non aver subito un abbandono da piccolo e come punto di debolezza finale le sospette denigrazioni di tutti coloro che misi sono accaniti contro, appioppandomi ora l'innocente malizia di uno sgambetto,ora la capacità del buono a nulla, ora addirittura gli spruzzi di un lucidante fogliare. Vinto in un traguardo raggiunto da tutti ma ricco, con un intero armadio a mia disposizione per gli abiti, non per cattiveria, non per oblio, se rifletto sul dispiacer di aver sbagliato, ceduto confidenze a chicchessia,raccapricciato dal remake tipico della collità individuale mia, non mi sento uno sciocco sciatto che pitocca. Messo tra i nessi del mio essere malridotto non ho il dubbio come apicale assioma ma un inveterato uso a non far fioretti, a non adattarmi ai voti, che muta costantemente direzione alla mia vita tumultuosa.Nel dispiacer di non compiacer quei redivivi mai rivisti, supposti in contrafforti piene di lassisti, sono sempre così preso di peso e portato, da una bellezza all'altra, che mi scordo le cose da dire ai portenti, non li considero neanche di striscio anche se so che sono potenti. Li tratto spesso come loro trattano me, li considero una minoranza ininfluente sulle mie sorti personali anche se li sento tanto vicini quando qualcuno, intervistandoli, li sposta dal ruolo sociale che li rende riconoscibili. Le mele che raccoglierò in fondo al campo, sulla terra senza erba, varranno per me quanto una preziosissima icona,da ridonare come segno di dedizione. È certo che i portenti del potere più importanti della mia vita se non mi hanno aiutato a grattare il formaggio finora non lo faranno in futuro. Non avranno la grandiosità per companatico, non avranno la caligine a rasoterra da spazzolar via dalle scarpe. Chiederanno in enfiteusi il mio impulso che rimane impresso al momento in cui mi si richiede consenso. Avessi il lascito di un giacimento culturale arginerei con possanza il loro culturame. Sempre.

6. Lettera per una recensione critica
Ciao Gualtiero! Hai sentito dire di un vhs visto da alcune persone, mai uscito nelle grandi sale? Ne hai sentito parlare? Per Notturna ho fatto una recensione negativa ma la posso cambiare se vuoi. Lo ha visto, come si può dire, nel suo core business, ma lo ha considerato stravolto, in attesa dell'ultima ispirazione in grado di cambiare costantemente la prospettiva di narrazione. Le è sembrato un film raccontato con prospettiva rovesciata e mi ha chiesto di scriverne. Del suo autore si dice che non è affetto da iconomania d'accatto nella resa deficitaria. Ha un'idea che parte e tutti i particolari da descrivere al momento per non creare problemi tipo inquadrare del grano con dei fiocchi di pioppo attaccati in una stagione in cui questo non è consentito. Comunque ti ritrascrivo la recensione critica scritta da me per Notturna.
«Critica. L'autore realizza opere come questa, visionarie, nei momenti in cui si ritrova in convalescenza. Per capirlo ed apprezzarlo occorre sbarazzarsi di due pregiudizi diffusi e radicati. Il primo è quello che considera il successo di pubblico come un segno di qualità della distribuzione di quanto prodotto; il secondo è quello di chi esalta solo le opere che creano l'effetto teatrale al momento aspettato dal pubblico. Le immagini, ballando come in un televisore rotto, come in un dietro le quinte delle cose che si espongono in casa, si congiungono allo sberleffo verso ogni intesa forma di riservatezza a mostrare le proprie produzioni, al dare eccessiva sacralità all'arte scenica che ognuno può mettere in atto in un ossimoro teatralmente in atto nel filmato da 0.00 a fine nastro. I due termini contradditori, mostrare e non mostrare, sono in modo paradossale nell'espressione della tormentata prova generale di questo videotape. Si srotola come ansimanti repliche di rappresentazioni ignobilmente degradate a conferire fascino da prodotto di terz'ordine. Anche se mancano quei lavori d'artigianato che regolano e collegano i tempi delle azioni,l'intelligenza di guardare con distacco i fatti, scherzosi e seri c'è, ma non convince».
Caro Gualtiero, buona visione con l'utilizzo del tasto di avanzamento veloce non è stata nemmeno garantita. Non è stata garantita nemmeno con il tasto play normale perché il videotape è stato congeniato per permettere in corso divisione persino il commento degli astanti al filmato. Se fossi stato il portavoce dell'autore l'avrei inquadrato nel genere del film d'arredamento, per locali d'intrattenimento. Dal basso della mia età ingrata, che non m'aggrada,gli farei presentare alla stampa questa presentazione: “…Lettore, lettrice,atleti che saltate sulla neve, modelle attente ai colori, scienziati che scoprite, voi tutti che volete vedere un film. Qui ci si aggiusta e non ci si butta. In attesa di buttarsi in cose serie, senza aggiustare le proprie miserie,si schiva lo scicche dello chic, con lo shock che chocca alla perdita del tràveller's chèque su cui la nostra serenità si poggia. Non so dire se questo cibreo film davanti ad un pubblico funziona, non è aitante come un videoclip.
Forse è adatto a chi cerca di descrivere, visto che è l'idea di descrivere a tenere insieme quanto diversamente non si può articolare. Sono cresciuto nell'enclave di far le opere e donarle, quasi a dare forma e ordine ad una mostra non legata alle gallerie d'arte ma al passaparola degli amici. Non sono capace di dare cose serie come i gioielli ma il valore di certi miei gesti è ben maggiore di qualsiasi brillante. I miei istinti insiti nell'evitare le collaborazioni con artisti vari, piuttosto che estenderle, inducono l'utilizzo di linguaggi diversi che mi possono far fuggire da una restrittiva pigione/prigione solo ogni volta che qualcuno mi chiede una collaborazione. L'arte può essere ciò che spinge insieme due appassionati ma è anche ciò che li tiene separati…”
Caro Gualtiero, immaginati l'autore in attesa di conoscere qualcuno con cui entrare in sintonia, vincolato da un perentorio ordine in cui gli si comanda di adempierlo entro questi limiti: «a. ti manterranno altri lavori, il tuo tempo per l'arte sarà residuale; b. avrai il successo equiparato a quello di chi è analfabeta rispetto ai grandi artisti che atterriscono con la loro bravura suprema; c. sarai escluso da ogni circuito che ti porterebbe, in vita,prestigio; d. compatibilmente con l'incertezza della data della tua morte, chi usufruirà dei tuoi doni artistici farà gravare su te l'onere delle spese che incontrerai; e. da parte tua sarai contento comunque.» Sono sicuro che troverà clienti per la pena che incute. Pensaci su. Ciao. Io non posso produrlo.Tuo Brunetto

7. Minuti interessi localistici, con conficcata una omissione sottaciuta
Cara Mustiola, che negli studi del TG 5 ed 1 di occupi di monitoria, ciao. Chiti scrive è Osvaldo. Ricordi? Ti dicevo sempre «Tu rientra, che io riesco».
Ricordi? Ed infatti anche adesso è così. Tutta la mia avventura è riconoscibilissima in una vecchia mia scivolata, ad una festa paesana, giù dall'albero della cuccagna. Ricordo ancora il cucù della sveglia posta in alto,in premio, che scemava. La mia scontentezza per non averla afferrata. Ma soprattutto ricordo te, bellissima e attraente ma con le mani orrende a far da deterrente. Ti invio questi scritti prima di farti avere la mia dichiarazione di partenza, in modo che, parlando con il direttore del tuo telegiornale, tu abbia un motivo per preferire, agli altri che desiderano uno spazio nella sua rubrica,me. Nel tentativo di ritrovare un opera non schedata esposta alla Biennale di Venezia del 1924, intitolata Primavera umbra (del 1923), sperduta nei magazzini del museo di Atene, potresti ottenere gli stessi risultati di Gerardo Dottori,l'autore. Sia tu che lui avreste provato a rintracciarla: invano. Per questo ti dico che conviene sempre rivolgersi a me. Sono un detective, un esploratore,professionalmente affidabile, anche se la mia vita emotiva è una frana. Ritrovo quello che gli altri perdono e si perdono perché ritrovo le cose e le appunto.Assumo pose in linea serpentinata per caricare di tensione espressiva la mia faccia davanti alla telecamera; il pubblico si ricorda sempre di me, lo sai.Sono uscito incolume da tante avventure e so che state cercando un personaggio valido da riproporre in modo nuovo, per la prossima stagione televisiva.
Quanto al tuo gorgoglio d'orgoglio, señor che attrae e distrae se non lo si considera, posso dire che ne ho calcolato i tempi di fuoriuscita. Pur di darti questa missiva a mano e fermarti al momento giusto mi sono esposto come un albero sulla sagoma limite di una via stretta. Il frenetico andirivieni della messa in onda nella TV generalista lo conosco. Conosco i suoi ed i tuoi difetti, mademoiselle, ma non voglio irritarti fino a veder le tue racchie orecchie racchiudersi per non sostenere un nuovo round con la mia insistenza. Sulla sabbia la mia calligrafia, è infatti brusca, tirata via. Ma quando te la presento stampata così, con tutti i suoi eccessi di sottintesi eccessivi,diventa carina e fruibile. Scorre fluida come un bikini nel kerosene: inzuppato,dimenticato, slacciato, strano. Ridato alla mia vecchia fiamma: nuova, vera,calda, alta e bluastra. Ho fatto affari vendendo libri di avventure sportive, ho inaugurato di recente una sala che proietta cinema d'alta montagna, non blatero articolazioni disassate come palazzi fuori asse per spillar soldi a kedivè e maragià che hanno investito fortune dalle nostre parti in città. Non sono più sicuro di quel che sembro, ma il lavoro che spinge a far così, che ti pedona seti scorge scoraggiata, che ostenta contento sempre un partenariato per te paradigmaticamente perfetto, mi trova disobbediente, disorganizzato, nel disturbo dato dalla mia resistenza attiva, inascoltato.
Roma e Milano non sono per me lontano. Quando mi si cerca arrivo subito. Se giro per le strade di Perugia è però risaputo che non son sempre riconosciuto. Vicino a dove abito mi interesso solo di esperienza. Scorgo gli avamposti di casolari di campagna e piccole parrocchie del secolo scorso in abbondanza. Non mi spingo indietro di 200 anni, m'interessano al massimo i bisnonni penisolani e non i trisavoli fossilizzati. Affermo sinceramente che se appaio d'un coraggio indicibile per quel che ritrovo dove vado a finire ho sempre dentro me la paura che con il piacere, il dolore, la rabbia, si mutua. E la sentimentalità che si mutua mi fa professionalmente affidabile. Il mio primo successo televisivo, se ben ricordi, è nato dal presentare il filmino amatoriale di una gita, ad una piccola emittente locale. Ero stato con pedule da escursionismo a fare un giretto su per la vecchia ferrovia Spoleto-Norcia. Giù per pendenze fino al 46per mille, in continui tornanti, gallerie elicoidali, in viadotti alti fino a 60metri. Avevo ripreso l'allargamento della sede stradale e l'interramento dei tubi dell'acquedotto a compromettere il tracciato ferroviario originario. Avevo reso l'idea delle 19 gallerie, dei 24 ponti, dei 51 km con 4 coppie di corse,delle 14 stazioni, del potenziale ecologico dell'opera passata. Quel percorso parzialmente intatto, da fare sopra la presenza del classico pietrisco e attorno alla naturalezza di una natura quasi pura, più della gita, comunicò a tutti un'emozione scalpitante. Non sapevo che il giorno di partenza dell'ultimo convoglio (dalla linea, non smantellata e privata dei controlli, priva di furti e ruberie di vario genere), l'attenzione ai treni frenava gli slanci di chi proseguiva a piedi. Verso intemperie nordiche, senza dir che partii, io contrastai chi mi trattenne.
Parte del mio successo è dato comunque dalla bellezza. Che sono bello è un fatto vero, trasmesso ancor più quando vado in televisione satellitare. Cravatta inkevlar (un materiale composito leggero le cui fibre sono anelastiche e in un intreccio casuale tale da abbassare le possibilità di fratture grandi di dimensione) e un Cd vicino (con registrato il volo di una civetta, senza fruscii di turbolenza aerodinamica generati da piccoli mulinelli al vertice dell'ala,senza rumori prodotti dall'attrito delle penne che scivolano una sull'altra)sono piccoli miei vezzi a sottolineare il mio primato proverbiale. Cravatta e Cd non sono quanto mi distingue da tutti gli altri esploratori del no-limits che nei mass-media si mostrano a te e al mondo, con il loro bisogno di un nuovo ingaggio pronto. Ci sono moltissime differenze tra me e loro. Una ad esempio è che io mi ritrovo dove vado, attaccato e affezionato alla mia guida. Vado ispirato. Tocco i pensieri. Non padroneggio le reazioni elettrolitiche dei metalli. Non mi faccio avanti con una mina di grafite ben dura con cui passo a segnare un foglio di lega d'alluminio non protetto da ossidi di alcun tipo. La sfida che mi attende in ogni esplorazione che faccio non è nei minuti interessi localistici che presento al pubblico se taccio. Un pubblico che va messo in guardia dall'attribuire agli animali sentimenti umani unanimi è servito da me.La mia guida, alfiere della forza di carattere per antonomasia, vive nella mondializzazione dell'economia capitalistica, in una società neoliberista, senza un pubblico. Si protende in un indicibile ed incedibile sforzo per una produzione e consumo a ciclo corto nell'agricoltura attuale: quella di casa sua. A seguito di una schisi facciale o di un teleorbitismo, dagli anni in cui ci si guarda per capire come gli altri ci vedono, è uscito preferendo il non cambiare la sua deformità facciale, assumendo un velo. Da dietro quel velo, il suo battito d'occhi non ricorda il suono di un registratore di cassa, non misura tutto con il prodotto interno lordo. Ti da udienza con la tempestività,l'affidabilità, la reperibilità, di chi usa la sofferenza per dare amore. Un amore più dolce delle arnie in un colle.
Quanto a me, in tutta la mia carriera posso vantare una sola destituzione. Come sempre si era creata sulla mia persona una aspettativa altissima. Il metri d'altezza, tra il Giordano e il Gange, non filmando il Tevere, esplorando l'azione di portare a consapevolezza quel che avviene di sommerso, della supervisione che ti porta a localizzare la parte del corpo dove meglio si esprime la comunicazione, feci un danno intervistando un ragazzo nazi-comunista allo sbando, costantemente con me durante il viaggio. Spiegate le grinze di ogni mio ragionamento tra le pieghe del suo pensiero, parlando di lui tra quelli che danno esempio a danno altrui, detti riscontro al pubblico del mio non apparir rispettoso e serio. Lo mossi come si sarebbero voluti muovere tutti,via da me, fluidi come legni induriti dal catrame. Lo mossi con l'acre odore d'una palla di crisantemo andata a male. Non tenni un comportamento distinto.Nel poderoso ponderare da presentatore sul piedistallo o buco da altrui raptus voluto, facendo le mie manfrine, presentai smorfioso il volto facendo teatro all'audience della sua immagine immancabilmente immatura ed irremovibile.
Presentando in televisione i risvolti della sua comunicazione corporea albergavo in lui un compenetramento incauto di vissuto e finzione creativa, un controtipo proscritto di silhouette non gradita. Soffriva nel vedere le smorfie del volto suo rifatte a verso dal volto mio, quel mio farlo apparire da poverino che sapeva di meschino. Non aveva mai avuto nessuno acronimo tale da identificarlo differentemente abile, pur nel gap della predestinazione subita in quella trasmissione scalfita da ogni mia sortita. Ma ci si sentì.
Cara Mustiola, chi mi volle nel programma non mi richiamò mai più, nonostante facevo registrare ascolti altissimi. Disse che era stata un'indecenza umiliare in pubblico quel ragazzo ottuso, ferirlo con i risolini mentre si scusava di come era per colpa di quanto aveva fisicamente sofferto, rifargli il verso mentre diceva “mi arrendo, mi arrendo” per far finire l'inquadratura al più presto. Mi pagò e rimase tuttavia convinto che la mia difficoltà di relazione con le più svariate creature portava a brutture che non si camuffano mai in avventure. Un commento su quanto mostrai di maldestro non era per loro più giustificabile dalla difficoltà di controllare il tremolio che si venne a creare usando lenti troppo potenti per centrare un logo o una immagine. Tra quei sfollati fautori di compiti che nella deregolamentazione amputano poteri a valanga, nutriti da illusione e fissazione, fissati alle idee con la modalità di chi fissa franchigie, mi ritrovai col desiderio di riscatto a ripartir da sottozero per ritornare al pubblico. Nella sfera del diritto che fa diventare mercantile un servizio pubblico, che non vuole far diventare un bisogno vitale un diritto umano, dentro la mercificazione di banche multilaterali, fui coscientizzato e mi beccai la pleurite. Da allora ho imparato che non sempre le persone desiderano ritrovare quello che si perdono, io per primo. Ho imparato che la fama si segue ovunque e ritorna come un circolo chiuso: come tante isobare disegnate sulle carte meteorologiche a congiungere punti aventi uguale pressione, come le linee di livello delle carte geografiche che uniscono luoghi alla stessa altezza. Basta seguire la regola di mostrarsi per quello che si è graditi.
Ora però inizio una formula di saluto, poi ti farò arrivare la dichiarazione di partenza mia. Mai da solo mi darò uno stato d'essere. Se ambirò a darmi forse un pò di tono, nelle atmosfere pesanti o il frastuono, dovrò far di tutto per non frastornare incomprensibile a chi dice «Psi pisi p, psicologo». Tranquillizzerò dal perquirere attuale chi non fa caso alla morte che si ferma davanti alla morte di un giusto, chi non si scioglie come sale dato in ambiente sciapo, chi rifiuta d'esser creato per morire per l'altro pur d'affermarsi scaltro. A chi non coglie un primato tra la vivacità della cultura classica greco-romana restituita all'occidente dall'oriente non dirò bravo. Farò sapere che la fama non sempre sfama, che stanca, che qualche volta anche a me manca. L'alzata dalla panca, in cui si trasmette dalla schiena all'anca la stirata proverbiale, posso solo migliorare. Cara Mustiola, ti voglio intanto dire che in barca a vela sarò per il prossimo periodo impegnato a costeggiare il mar Mediterraneo. Dovrò ritrovare quelle che risultano amicizie mancate, quelle fughe come le mie tentate. La capacità di rinunciare alle cose più superflue d'adesso ben si esprimerà sul mio pollice verso, in stallo come un aereo per la bassa velocità, pendulo. Quando avrai la mia dichiarazione di partenza saprai sempre quindi il mio finale. Saprai che alla fine del costeggiare sentirò quell'avventura consunta anche senza averla finalmente per mia. Sappi comunque che l'approvazione che cerco nel colloquio con te, o con il tuo direttore, l'ho già concordata con la mia guida, preventivamente. Potrete comprare quanto vi documenterò ma solo a scatola chiusa, basandovi sulla reputazione buona che posseggo, che non mi ha fatto mai cadere in discredito davanti a voi.
L'approvazione potrà cambiare i minuti interessi localistici che presenterò ma chissà con quale uscita. Alla fine di ogni mia spedizione, di ogni mia esplorazione, la mia direzione non sarà mai la ricerca del nuovo ma la voglia di schivare il passato; sia chiaro. L'omissione sottaciuta che per te e per lui sconficco è che manco d'amore e s'avverte, sempre, ma non mi do per sconfitto. Con un'attesa di felicità dentro vado contento.
La mia vita emotiva, lo sai da sempre, è ben più di una frana; ma la televisione non lo farà trasparire. Solo chi mi conosce potrà avanzar dei dubbi. Quel che il pubblico può dire di me, quindi, quando ritorno in luoghi nuovi coi problemi di relazioni vecchie, quando al pensiero d'incontrar qualcuna delle ex divento come un gatto spinto verso il pericolo, sarà un segreto da plico. Che non mi desolo è il solo fatto univoco. Ai miei pensieri fitti come insegne di più rimorchi che occludono la visuale per uscire dal traffico bruto ad imbuto assocerò un fard che mi farà venir meno lucido. Visto che mi copro, mi scanso, mi scuso e temo il confluire verso me degli amici del passato, carico, di tutte le persone amate ma salutate male, nel notiziario mi presenterò dirompente come un rampollo non ancora sposato, felice perso nel rock più rocambolesco. Solo però se mi sarà concesso. Quel che il pubblico potrà dire di me, vedendomi, a cercare un riparo come posso, troppo scoperto ed esposto ma lucido, a zig zag per farmi largo, quasi alambardando, sfidando l'intraprendibile ignoto dei giri normali e quotidiani tra il voler fare una cosa e la necessità che questa accada, sarà futile, inutile. Ne ciò sarà tutto. Sappi Mustiola che anche adesso, se m'incontrano per forza, amici e vecchie ex, non mi escludono. Come un sandwich nel meridiano di Greenwich mi salutano. Nel loro continuare a campare ci sanno fare. Ed io, che tra gli eletti e i reprobi valgo anche affetto da soggezione, anche come l'intimidito che ha subito intimidazione, non ho timore di apparire in televisione e rifallire come un insignificante signore. TVB, umdb. Ciao!
Osvaldo

8. Si placa l'ira schivando l'epidemia
Ore 7, 45. Dimostro meno dolore di quello che mi da l'esistere perché, da avvertito impreparato ad un risveglio a comando qual sono, incline all'onorevole ritirata, più che dall'insistente desiderio di entrare nella vita religiosa e praticarne le virtù mi scopro sempre preso da altro. Schivo le contrizioni che indirizzano la condotta, allontanandomi dall'amore. Oggi però posso felicemente dire che negli spazi interdigitali dei miei piedi non c'è mai lo sporco. Lavoro accanto a dei duri che nei giorni di festa si mettono con armi ad aria compressa ed in mimetica a spararsi cartucce di colore addosso, con dei mirini laser sofisticati ed una goliardia da bistecca e salsiccia. Anche se al palpar delle loro costole è facile accorgersi che sono tutti sottopeso l'impressione che fanno con i muscoli è da muratori e da agricoltori.
Al contrario di vecchi cani che non salutano con entusiasmo, che non gli interessa di essere accarezzati, che sono meno vigili e pronti ad assumere comportamenti sensati, loro mi chiedono di uscire, di partecipare alle loro attività, di orientarmi negli ettari riservatigli gettandomi nella mischia della guerra finta. Se da un lato penso che se seguo loro perdo tempo, dall'altro sento che con loro sto bene. Sparando per finta m'istruiscono sui modi di appollaiarmi per mandare un colpo a segno. Sono felice di essere pagato per stare in mezzo alla loro natura anche se ho un po' paura degli spari. Sono contento di andare con loro perché così mi libero dall'eccesso di frequentazione femminile. Io sono uno che non si è mai dato alle donne agghindate con quella guinzaglieria da dure, che si corredano di corruttele di svariato tipo, che fumano sigarette a regime di brezza senza preoccuparsi della ventilazione che espettorano, dei fumi che riempiono le arie che incontrano. Mi piacciono le donne vere, non i surrogati di minor pregio.
Sono un uomo effeminato contro la sua volontà, un uomo che segue una nutrizione clinica che previene i rischi che quei guerrieri ignorano, troppo presi come sono in ogni attività fisica, da bestia da slitta, che stravolge persino i giorni feriali. Non mi trema mai la mano, la diligenza del diligente è il mio ritocco. Se sono accaldato non bevo bibite fredde. Quanto mi ha fatto vittorioso in lotte che non ammettono supplenze non mi è d'intralcio. L'epidemia della donna al comando, che con l'eccesso d'attenzioni rovina il maschio, combatto con l'arsenale delle mutilazioni mie, nate da sovrapposizioni ed invadenze educative. Non potrò mai scusare l'effetto chiaroscurale di essere stato amato tantissimo e male. Ma l'abuso del male quello si lo scuso, non era voluto.
I flussi di infusi che ogni giorno mi faccio mi aiutano proprio a non rimaner matto. Quando calano certi segni esigitivi, mentre con la ghiaia pulisco bottiglie, tenendo la terra in mano, grato a chi mi ha salvato essendo affiliato ad una squadra di primo soccorso, se smessaggio in attacco lo faccio solo per tener lontane le femmine che mi hanno amato male. Cerco il mio più fastoso fregio di mascolinità e le colpisco così come si slaccia un grembiule, con un gesto da poco che non mi fa caricatura di un umile. Gli dico «datami come ti pare, che con gradualità prudente sempre più progressivamente ti denomino, donnaccia», ad ognuna lo stesso messaggio, per non dargli più il mio tempo, la mia particolare attenzione. Se sgherro grottesco e caricato sono, chi è più giovane di me troverà qualcun altro per portar con la brocca il pesciolino in giro, per spruzzar l'acqua ad una pianta, per lavare i panni dove scorrono fiumi di china. Voglio cambiar vita ora che i maschi mi aiutano.

9. Stagno
Vieni qua, Frelen! Senti dall'entroterra il suono di questa campana campana! Non sono Gianmauro, l'alternativo cliente dell'economia globalizzata, che conosce le sue responsabilità, che sa dove ricadono le scelte che fa. Bravo come una cometa periodica, di quelle che ricompaiono ad intervalli di tempo regolari, io ritorno da te, dominato dal denaro e dal profitto. Voglio essere accolto degnamente da te, sono ricco. La mia ricreazione è sempre e solo quella di rivederti. Ma tu non mi consideri. E sbagli. Sistemi economici imperfetti si rivelano funzionali.
Ti posso accudire coi soldi. Te ne stai seduta davanti una pianta grassa alta, un fortino di legno d'olivo, un banco delle elementari e un salvagente con dei grandi pesci colorati. Dopo che ti sei ben guardata dall'autorizzare la produzione di pneumatici aventi nel disegno del battistrada un pentagramma ti senti furba, incredibilmente furba. Ed io non esisto per te. Ma lo sai che ho titolarità di progetti e patrocinio di enti? ONU, Banca Mondiale, OMS, Organizzazione mondiale del commercio, pur da riformare, mi vedono contento.
Superare la confusione tra il saper di non amare e cercare subito il distacco per non soffrire è la tua principale reazione al vedermi. La furbizia con cui hai addomesticato la paura, il tenerti fuori dal dolore, le volte di vicinanza alle crisi sentite appena, ti fanno paragonare ad una parente del milite ignoto, ad una donna che soffre per l'altro in un legame che non la coinvolge più di tanto. Chi s'interessa delle sorti della nappa di Marta (si soffiava sui fogli di carta, andava cercando odori e profumi, si soffiava nei libri socchiusi, incontra l'alitaccio di una voce severa, allorquando, già da tempo rossina, sentendosi pulire diventò verde carina) è più concreto di te. Tu prima di diventare la galassia che credi di essere andavi a fare i corsi che più abbindolavano gli sprovveduti. Ancora mi commuovo per quando sei rimasta impressionata dal racconto di una navicella spaziale che viaggiava a palla in direzione del pianeta Calippo, a nord-ovest della Galassia Tritone, dove si presumeva essere presente il virus dell'affetto. Ti eri talmente identificata con il compito dell'equipaggio, impossessarsi del conteso bacillo e poter contaminare così tutto il pianeta Terra, che per tre giorni non leggevi altro che fantascienza. Ma ti rendi conto? Lo capisci che le tue esperienze sono più fuori dal mondo delle mie? Nel leggere i fogli che rimangono a fine giornata in una macchina da scrivere giocattolo esposta in prova ai clienti c'è qualcosa di più concreto, di più avvincente, di quello che ascolti tu ordinariamente.
Il mio nome è ancora Luano, penso che te lo ricordi per quanto lo hai pronunciato. Adesso ho una corporatura che vestirla è un dispiacere, e non indosso abiti da poco, spezzati ma non spezzettati. Piaccio per il look e la gente si fida di me. Mi affida le chiavi dei lucchetti. A coste largo è il mio pantalone di velluto. L'ultima volta che mi hai visto, al rimbalzo delle sfere dei cuscinetti lanciate con una fionda, io stavo a cercare un riparo. Rispondevo lanciando palline di gommapiuma pubblicizzanti una vettura e mi sentivo come un fungo nell'acquaio, pulito per essere infarinato. Adesso però sono cresciuto, mi sono evoluto. Sto tra i terabyte ed i petabyte, mi occupo d'informatica ed ho messo da parte un gruzzoletto che certo t'interesserà. Vienimi incontro. Posso restituirti i soldi che mi hai prestato. Nel mio animo c'è un graffito di reppettaro pentito, con la frangia scalata e fermata dalla lacca, che mi fa sentire in un punto morto se non ti rendo il prestito. Nel fracasso che si fa attorno alla linea discriminante che separa la morte dalla vita l'integralismo laicista che mi si è rivelato proprio un'equanime messinscena ti può servire. Se tu mi darai retta non ti ritroverai nel camposanto di un califfato sola con i soldi che ti ho reso. Ti troverai con l'energia giusta, un po' nella vita e un po' nella morte, nell'area strategica del futuro.
Ora che nel mondo vengono ridisegnati e ridislocati i poteri forti, ora che le municipalità in cui funziona il bilancio partecipato di giustizia ti potrebbero trovare muta e zitta, io farei entrare anche te nel posticino buono, nel lavoretto invidiabile. Solo se tu ti decidi a venir con me. Vincolata da banche e grandi organizzazioni mondiali, facendo la scelta di asservirti ai grandi produttori perché prendono sussidi maggiori, potresti produrre per l'esportazione lasciando ai piccoli produttori il mercato locale. Facendo i conti con governi e multinazionali potresti anche tu vedere che la globalizzazione ha già incontrato la guerra, sa già come non spendere sui macchinari, ha manodopera a costo zero. Quanto a me, comunque, l'ammontare che ti devo corrisponde al prezzo di quella rivista di destra oltranzista e reazionaria, non liberista e democratica, che comprammo in quell'Europa che determinava un equilibrio nel lontano 1993. Mi spiegasti un pregiudizio sapendo come liberarmi dagli stereotipi di oggi.
Puoi ritrovarmi in Uruguay, lì la maggior parte della popolazione discende dall'Italia. Lì per te sarà più facile attuare i modelli che hai teorizzato a Tittignano. E poi, Gianmauro. Non flirtare con lui. È un domatore sconcio. Gli piaci perché sei strepitosa e spiritosa ma ti marchierebbe, sciocchina. Non starlo a sentire quando t'adula. Gli avrai sicuramente fatto la mappa per poi ritrovartelo a casa in un abito di saia blu e un passepartout. Sta attenta, fasullina, sta attenta. Ad una signora gli ha fatto scoppiare una varice, ad un'altra l'ha fatta svenire con un moto epicicloidale. È un guitto ghiotto che ti scuote e ti spoglia se non ti difendi con una sorta di panoplia di pistole.
Decanta pure le virtù del fischione ora, se vuoi. Io ti ho avvisato. Non ti voglio veder piangere sul sedile ribaltabile come una sudiciona, povera, con la cassa dotale di un porcellino da rompere.

10. Tu tra le amiche selette male
Situato su stanzoni tenuemente illuminati guardo soffitti alti, la travatura di un portico. E la vedo. Sento suoni rimbombanti. Miti tremiti, da truppe di tipe brulle, nubili volubili con dolenti e aciduli acuti, coinvolte nella vita fino all'esaurimento, fanno rabbrividire dolcemente anche me. La cingono come fosse una donna in cinta con quella loro solfa vecchia, sempre la stessa, da cariatide. Come se dovessero pienare delle capsule da 6,15, rinforzate. Elessero a loro ispiratore un demagogo carismatico, idealista fanatico, che si era avocato a se il diritto d'imperniar reiterati slogan e che adesso conta a ritroso i giorni che mancano al suo pensionamento. I loro tremori sono tutti anti dilettevoli, smilzi sfottò senza stupore a far da antidoto alla noia. Non si sentono vincolate ad alcuna autorità, neanche a quella del sistema nervoso centrale, ma non in verità; per reazione. E la feriscono.
Gli alberi di fuori, nel vento, dondolano aritmici. Paventano una vita lontana dalla cenere lavica su agrumeti circonfusi dal nero. Segregato nell'albore mio, ampio, profondo, felice, che non ha mai avuto vero debutto, guardo la mia tenuta da suonatore, che non cade bene sulla forma del mio corpo atletico, sprezzante in tutti i suoi soggettivi progetti di sterilità. Lampassi e pregiati velluti neri mi coprono poco. Resto vivo non vivendo. Le donne che mi hanno sempre fatto soffrire non sono ben identificabili. Prima di sostare, qui dove mi sento, sono stato tanto da solo, con gli occhi chiusi al sole, ad aspettare. Anche se tutto era più chiaro, sbiancato, io in ambito sentimentale per lustri vidi nero.
Misi gli occhi su così tanti voli, fino a perderli con lo sguardo, da perdere più e più volte l'equilibrio. L'ansito con cui però adesso centro le paure si stupisce sempre che qualcuno mi ama, si rallegra al solo pensiero di poter sperare nella telefonata di qualcheduna. Ho il desiderio di ricrearmi una situazione che poggia sul reggere una persona diversa da me, la sua presenza. Se penso a quanto sono svicolato via dalle relazioni leggere che anticipano le serie relazioni in serie, strisciando lungo i muri, mi prende veramente male. Non capisco tuttora dove arriverò, quanto sarò impreparato o sgarbato. Forse, nella peggiore delle mie paure non autodistruttive, un mio atto d'ingresso concreto nella paura mi farebbe bene, forse. Tante cose cui ero attaccato mi si sono staccate via da sole, crescendo. Chissà se in amore accadrà prima o poi questa cosa anche per me. L'indole del candore sul sentirsi insignificanti riesce a tirarmi su.
Mentre congerie di genti si sono passate ricette epistolari e poi si sono incontrate, fidanzate, sposate, io ho fatto da capofila a coloro che non riesco ad andare d'amore e d'accordo a lungo. Ho interrotto prematuramente i miei rapporti con le donne che modulano lo sguardo afflitto per controllarti a loro capriccio sempre con un valido motivo; anche se detestavo farlo perché lo sapevo frivolo, equivoco, turpe. I rapporti con i miei familiari, non così tesi da farmi tornare a casa per pranzo con un panino, tutto mio, per non crear fastidio nel caso avessi troppa fame, non si sono mai rivelati un valido motivo per spiegare il mio fallire. Non erano un valido motivo nemmeno le zie delle mie vecchie amiche, attaccate perse alle loro peripezie, che mi definivano un assonnato beota visto che reputavano i miei coetanei con cui facevano sesso, vispi, interessanti, missili. Pur avendo la responsabilità di aver sparso in giro la voce che io non sarei stato altro di uno che si procaccia affetto spendendo mi aiutarono però a capire che in realtà non riuscivo a confidarmi con chi credevo mi detestasse. Oggi so sinceramente che il motivo per cui non sono riuscito a rimanere con una ragazza a lungo sia da cercarsi nel troppo impegno dentro la banda locale, nel suono del mio bombardino. La massiccia pièce di un talent scout mi prese a casa quando ero piccolissimo e mi mise lì, nella banda.
Mi ci mise con gli schiaffeggianti echi del mio cattivo amore, sbruffoncello ante litteram, riacutizzati nell'adipe sospetta mia, tormentata da trionfi intimi. Io, sempre più bravo a suonare, dandomi sempre alla musica più che alle donne, sapendo che attorno al musicista bello va alla grande l'addensamento femminile, facevo costantemente la fine del musicista bravo.
Tra i nembi e i mulinelli di polvere, come veli, insabbiato e appoggiato ad uno schienale imbottito, ad un sedile bardato, con la veste di un altro della banda, troppo attillata per me, come fossi in un luogo di confino, forse un giorno farò colpo sulla ragazza in cui ho messo l'occhio sotto la travatura del portico. Mi inciterà il peculiare senso del ritmo degli ottoni in ottave, a farmi avanti, la pertinenza della vertenza che potrei fare visto che spesso non mi fanno smettere di suonare. Impreziosita d'echeggianti arzigogoli la melodia mia, in controtempo con gli altri, in disarmonia, non farà sbadigliar con voluttà. A lei potrà interessare. Chi per partito preso sente in me un gracile boom nell'isteria difensiva collettiva si proteggerà ancor più. Ma la fatica di accettare il non ovvio gli tornerà sempre ogni giorno tra capo e collo.

11. Vaticinio dell'amante della lunga conservazione
Non compro. Sia chiaro, non compro. I miei problemi sono di soffio? Se in passato facevo effetto o cilecca a seconda delle ansie del gruppo dei colleghi incolleriti adesso l'aria contro il mio apparecchio ortodontico non cela problemi di soffio. Colpito senza ematoma, bruciato senza fuoco, mi vado sempre ripetendo «cerca 'l momento buono». Le cose che riescono non sono mai come si fanno. Il fidarsi e' un ventaglio ritmato con l'orzo, un aereo segnavento, un organare torzo. Da quando ho avuto libertà di gestione dei miei spazi professionali sono diventato una sorta di Felix Von Lueckner, deceduto nel 1918 senza spargimenti di sangue e odio. In alcuni fatti della sua vita sono riassunti eventi che lo contraddistinguono e lo fanno unico: giovanotto scapestrato si arruola nella marina tedesca, si prende una nave scalcinata, fa guerra agli inglesi con successo, si gira i sette mari, naufraga su di un'isola, continua a far guerra lo stesso con una barca al posto della nave, viene fatto prigioniero ma evade continuamente.
Io amo la lunga conservazione degli impegni contrattuali con i fornitori avuti da sempre, ma non ho ostilità per il nuovo, per il viaggiatore che mi serve. Se qualcuno mi alliscia sono come la pera ghiacciola: vitrea d'aspetto, sugosa e dissetante. In un terreno marginale a forte pendenza, dove crescono solo varietà vigorose di alberi da frutta, ho ereditato da mio nonno un pezzo di terra che vanta adesso lo status di azienda. E difendo questa attività economica con forza, mentre non mi regrediscono i risparmi in banca, mentre muta il clima per emissioni climalteranti, mentre cala l'energia ed occorre lottare moltissimo per averla.
Nell'impercettibile tramestio della vendita di prodotti agro-alimentari per fini cosmetici e non nutrizionali le forze di coesione che attraggono le mie molecole stanno nell'agitazione termica. Si sono dovute relazionare con così tanti viaggiatori così cosà, presentatisi per reclamizzare l'ultimo ritrovato tra il biologico ed il chimico, che adesso non vogliono interazioni maggiori. Uno stendardo drizzato per sfracellare il fardello di chi fa di tutto per rinnovarmi è la mancia che io concedo al viaggiatore pur di non essere importunato.
Io, da vero fico gigante degli zoccolanti, borscione e dottato, fico verdino e briaco, verdolino, verdeccio e verdepasso, so trattare con i rappresentanti delle grandi marche. So farlo molto bene e so trafficare. Essendo ricco, al punto di non lavorare gratis per 4 anni a seguito di un furto, mandando via il rappresentante, dono insieme alla mancia questioni sui problemi pratici che risultano insolvibili anche ai signori più dotti che mi formano professionalmente. Se qualche viaggiatore tornando mi scuote con soluzioni nuove suono come una mela batocchia, come una pera briaca, dalla polpa leggermente rossastra. E lo assumo. Ma se qualcuno mi cuce addosso un ruolo da angustiato per giustificare il suo insuccesso divento come l'oleodotto che accontenta le multinazionali del petrolio.
Mio padre era solito portare in dote a parenti, amici, conoscenti e clienti le sementi degli alberi da frutta, per avere maturazioni a scalare e massima varietà di sapori. Le liti con chi voleva da lui dei frutti a maturazione contemporanea, di identica pezzatura, belli alla vista, in linea con le papille gustative della maggioranza, mi portarono ad affiancare alla sua produzione la mia. Da quanto fu contento mi fece pervenire opere d'arte e arredi, derivanti da dismissioni d'uso di attività affiliate agli affari seguiti dal nonno, e mi imposi così come uno che nell'industria del profumo ha stile.
Il mio senso per gli affari, come un corpo allo stato aeriforme, non ha né volume né forma propria, occupa tutto lo spazio a sua disposizione, è facilmente comprimibile ed è elastico. La lunga conservazione degli impegni contrattuali con i fornitori avuti da sempre è il segreto del mio successo. Posso sinceramente considerarmi al pari di una bella veduta. Nel tempo d'acuzie di questo tardo dopo guerra so di non saper recitare l'antifona introitale in maniera sommessa. La storia fatta dai poveri e decisa dai ricchi, anche nel mio settore agro alimentare, necessita di atti di riparazione per entrare nella leggenda con un valore ideale, per stare nella storia con un significato politico. Se al centro di una foto, nel punto di fuga della piramide visiva, gli effetti luministici che mi da la scansione mi danno un che di stranito, sia chiaro che i miei problemi di soffio talvolta tornano. Anche in luoghi apparentemente deputati per la villeggiatura.

12. Zum-pa-pá e cellophane
Serie di SMS alla donna logorroica che non da spazio di replica a chi l'ascolta
Hello Solidea. Sono io, umile, nientemeno che io, a smessaggiarti. Nel grande e immenso cielo, proprio sopra al nostro campo, c'è un formidabile reparto che sta stretto in cerchio attorno al fuoco, che guarda il fumo salire su. Non inciampare sul tubo di gomma che ho tirato per annaffiare i fiori e prova ad andare lì. Li ci sono tante persone che non hai spazientito. Non da più di te sono io, anche se ti dico spesso nondimeno perché so che ti fa arrabbiare; ma non riesco a sopportarti a lungo. Come quando in un pendio ti perdi in un periodo ti mando questo lunghissimo SMS. Sento che in te può riaccendere quel ritornello d'archimandrita che rispetta l'altro, la protomoteca di protervia d'affidare al patrono della buona morte. Ora io vado fuori a sgrullare il guancialone. È pieno della terra delle tue scarpe. Poi mi disinfetto la mano dirimpetto alle canzoni che si sentono, cantate dai ragazzi in uscita che sento. Accomodandomi velocemente sul divano ho lasciato cadere con forza la mano sul bracciolo, proprio dov'era infisso uno spillo.
Tu escogiti trucchi per negarti le asserzioni giuste. Nel camuffamento in cui ti adombri si acquieta solo la tua disposizione religiosa verso te stessa, la tua solitudine che non è ancora micidiale. Ma guai a dirtelo. Tutte le cose che sono in me retrograde e che vuoi settorializzare le tratti come i colli consumati sulle camicie buone, da rigirare. Rimproverare me per come conduco una vita al di sopra della possibilità che mi da lo stipendio, visto che ci sono altri che mi mantengono, è come rimproverare Michela che dopo aver sposato Ernesto si è ritrovata in una villa così grande da avere bisogno di più servitù. Oseresti obbligare lei a fare il lavoro di quindici persone visto che sono i suoceri ad avergli regalato la villa?
Senti carissima, che fai dei sodalizi con le più fitte trattative per non scendere mai a patti con nessuno, riparti pure senza di me che sto qui ad aspettare la prossima persona che mi desidera, che non mi disereda. Abbimi nei tuoi ricordi alla luce di quel che preferisci di me, amami almeno per quella fiandra in puro lino, coi tovaglioli cifrati e con l'orlo a giorno, che ho tolto dal mio corredo per farla usare a te. Visto che qui si tira avanti e si prega non incolpare i coppi del tetto del refettorio se ti senti maltrattata, inascoltata nei tuoi carmi esaltanti. Quando i tuoi programmi sono una relazione, quando le tue valutazioni su come riconoscere e ottimizzare le energie non ci sono e tu le vedi, quando mancano le ipotesi in merito all'opportunità di dar ruoli gratificanti che posticipino la disabilità e la dipendenza, è ovvio che invece di parlarmi veramente di te mi parli dei progetti che fai sull'anziana che diventerai. Sei tu stessa ad innescare la conversazione che non contempla tutto ciò che posso dire nel tempo che mi dai. Sei tu stessa ad imboccarmi la risposta che ogni osservazione seria deforma, rendendola inutile, come fosse una frottola.
Salutami tuo ex-marito, reso commendevole al perfetto che lo ha fatto sentire sempre come un liberto, ma digli di riportarmi il telescopio tailandese. Anche lui è demoralizzato come te, vede il cielo un po' sfocato e decisamente giù: giù vede le stelle, giù vede i pianeti. Col telescopio voglio dare un'occhiata all'amicizia che non incita l'ambizione, che non fomenta l'invidia per suscitare amarezza o gelosia, che non s'accende d'odio, che non spregia immemore della stima. Voglio leggere di quell'amicizia che l'invidia non intacca, che il sospetto non sminuisce, che l'ambizione non riesce a rompere, che messa alla prova non vacillò, che bersagliata non cadde, che insultata rimase inflessibile, che provocata restò incrollabile. È tutta nelle pagine dell'ufficio letto dal signore dell'ultimo piano, quello che adesso si è seduto con quel libricino aperto per il vespro. Tra alcuni giorni arriverà a quel punto. Bye, bye. Ulterio.

Tratto da: "Flussi di Infusi" Raccolta di racconti di Francesco Massinelli
Copyright © 2003 Francesco Massinelli & Utopia - All Rights Reserved