Ugo

Guardandoti allo specchio

Hai il viso coperto
da rughe.
I solchi profondi
che la vita ti ha lasciato
ed ogni giorno che passa
ne vedi uno nuovo
Assomigliano ai segni
che lascia lo scalpello sul granito
Solchi ruvidi.
Contorti,
dai contorni frastagliati e mal delineati
segni maldestri di uno scultore dilettante che,
nel tentativo di raffigurare la tua anima,
non fa altro che rappresentare
distruggendola
la sua