Massimilano Caboni

Piccola Squaw

Con gli occhi neri e profondi,
Piccola squaw, sei la mia coscienza.
Parlami ancora! Della tua voce non posso far senza.
Con le tue parole il mio cuore inondi.
Insegnami, piccola squaw, come posso stare bene,
Con te e con il mio mondo triste.
Insegnami ad amare, fammi conoscere cose mai viste,
Calma ed insieme saniamo le mie pene.
Spiegami ciò che dovrei sapere e non so,
Perché mi fido solo del tuo sguardo,
Perché adoro quando piano ti mordo,
Perché "te quiero", piccola squaw.

Tratto da: "Percezioni aspettando che sia l'alba" di Massimiliano Caboni
Copyright © 1998 Utopia - All Rights Reserved